Al modello da 6 metri già presente sul mercato con grande successo, Kverneland presenta le nuove seminatrici u-drill con larghezza di lavoro da 3 e da 4 metri, un modello “smart” probabilmente più adatto alle dimensioni medie delle aziende agricole italiane.

Le nuove seminatrici u-drill saranno presentate al mercato italiano in occasione della fiera Eima 2016, a Bologna dal 9 al 13 novembre presso il padiglione 14, stand A9. In attesa di vederle da vicino, potete guardare il video spot:

Ideale per cereali e semi minuti, la u-drill è la classica macchina combinata per eseguire la preparazione del letto di semina e la deposizione del seme in un solo passaggio. Eccola mostrata al lavoro in campo in questo secondo video:

Cinque fasi di lavoro

Fase 1 – Livellamento del terreno. Viene realizzato con il packer in gomma frontale da 800 mm di diametro, che sminuzza le zolle più grandi, assicurando un perfetto controllo della profondità di tutti gli altri elementi della macchina.

Fase 2 – Preparazione letto semina. Si ottiene con due file di dischi a forma conica, identici a quelli del Qualidisc, con ammortizzatore su ogni disco. Grazie a un sistema idraulico, l’erpice a dischi può essere regolato in continuo dal posto di guida.

Fase 3 – Compattazione prima della semina. Una serie di ruote packer sfalsate tra loro, con diametro 900 mm, completa l’operazione di preparazione di un soffice letto di semina.

Fase 4 – Semina. Viene effettuata dal falcione CD, dotato di un doppio disco in acciaio che permette un interfila di 12,5 cm. Questo nuovo profilo favorisce una maggiore penetrazione anche in terreni difficili, rendendo possibile una pressione fino a 100 kg per falcione, che può essere limitata inizialmente dalla ruota di pressione, integrata al falcione stesso. Il risultato è una profondità di semina costante anche a velocità elevate sino a 18 km/h. La pressione dei falcioni e la profondità di semina possono essere controllate premendo un pulsante dalla cabina del trattore.

Fase 5 – Chiusura del solco. Un erpice a denti completa il lavoro per una perfetta copertura dei semi con il terreno fine.

Deposizione del concime

Possono essere utilizzati due sistemi di deposizione del fertilizzante.

Nella prima versione è prevista la deposizione del fertilizzante nella seconda fila di dischi lavoranti, per posizionarlo a un interfila di 25 cm.

La seconda possibilità è invece di depositare il fertilizzante in ogni fila di semina attraverso il nuovo falcione CD a doppia entrata.

Isobus e sistema di gestione di fine campo

La nuova u-drill è disponibile con un sistema di gestione programmabile delle funzioni di fine campo. Infatti, premendo un bottone, la macchina attiva una sequenza di funzioni: dal sollevamento delle ruote a quello dei dischi lavoranti e fino alla barra di semina, riducendo sensibilmente i tempi di manovra. Tramite questa funzione è possibile l’utilizzo di un solo distributore a doppio effetto.

Anche il distributore di semina si ferma automaticamente quando la sequenza si attiva, e questo impedisce la perdita di semi o di granuli di fertilizzante durante le manovre di fine campo.

La seminatrice è 100% Isobus compatibile, quindi è possibile controllare tutte le sue funzioni operative singolarmente e comodamente tramite lo schermo del terminale IsoMatch Tellus (o altri terminali compatibili a ISO 11783). Questo aspetto è particolarmente vantaggioso in termini di risparmi e di efficienza!

Disponibile in opzione il pacchetto software GEOcontrol, che include le funzioni del tasso variabile di semina e del controllo delle sezioni. 

Sistema di distribuzione elettrica del seme

In base alla versione prescelta, uno o due dosatori a trasmissione elettrica sono posizionati centralmente o lateralmente, per assicurare un perfetto dosaggio dei semi e del fertilizzante.

È possibile ottenere dosaggi di semina da 2 a 400 kg/ha, utilizzando solo 4 rocchetti in dotazione, sia per il seme che per il fertilizzante. La sostituzione dei rocchetti non necessita di nessun attrezzo. Il distributore nella versione “e-com” garantisce il controllo delle funzioni via GPS ed è completamente ISOBUS compatibile.