Vicon lancia l’innovativa soluzione GEOSWATH sugli andanatori da 15 metri: questo sistema rende l’andanatura altamente efficiente. GEOSWATH mira a preparare l’andana perfetta per la macchina che seguirà.

GEOSWATH combinato con GEORAKE

Vicon Andex 1505 a 4 rotori è un andanatore dall’altissima produttività, in grado di fornire un elevata capacità di lavoro. Combinando il già lanciato GEORAKE (gestione delle sezioni e delle operazioni a fondo campo) con il nuovo GEOSWATH, il nuovo Andex 1505 garantisce l’ottimizzazione delle andane minimizzando le perdite e aumentando la produttività.

Fai la tua scelta per un efficiente andanatura

GEOSWATH rende semplice il rastrellamento anche in condizioni di terreni curvi o difformi. Anziché produrre andane disomogenee nella loro larghezza con GEOSWATH tutto diventa più semplice ed automaticamente i rotori esterni si adatteranno alle manovre dell’operatore. Pertanto il driver potrà scegliere di seguire la linea retta tracciata dal monitor usando il Section Control (GEORAKE), che solleverà ogni singolo rotore per non danneggiare le andane già prodotte.

GEOSWATH e GEORAKE fondamentalmente cambieranno il concetto di andanatura fino ad oggi utilizzate. L’ambizione di Kverneland è massimizzare le produzioni creando andane sempre più omogenee per facilitarne la successiva raccolta.

Solutioni smart per piccoli appezzamenti

In caso di andane prodotte in angoli di appezzamento o in curve accentuate il rischio è quello di non riuscire a raccoglierle totalmente per le dimensioni del cantiere utilizzato (trattore+rotopressa) e l’operatore è costretto a compiere ripetute manovre o a rinunciare di raccogliere totalmente il prodotto andanato. Con GEOSWATH in automatico la macchina preparerà andane in linea con la difformità dei campi in cui lavora pertanto il rotore anteriore esterno raccoglierà perfettamente tutto il prodotto e si riallineerà una volta oltrepassato l’angolo, facilitando in questo caso la successiva raccolta della rotorpressa.

Scarica questo comunicato

Per scaricare questo comunicato stampa in PDF, clicca qui.